SMAT ha illustrato i dati della situazione idrica nell'area metropolitana torinese nella VI Commissione

2007-06-14

Il problema delle disponibilitÓ idriche Ŕ stato esaminato dalla commissione Ambiente del Consiglio comunale, con i rappresentanti di SMAT e IRIDE, le aziende che si occupano rispettivamente del servizio idrico ed energetico.

Il deficit di piovosità registrato negli ultimi 6 mesi non costituisce allarme per quanto riguarda l’approvvigionamento idrico: è quanto è emerso dai dati della situazione idrica illustrati nel corso della riunione della Commissione Ambiente del Comune di Torino.
Giorgio Gilli e Paolo Romano, presidente e amministratore delegato di SMAT, hanno illustrato la potenzialità produttiva dell’acquedotto torinese ed il costante monitoraggio che l’azienda è in grado di effettuare sui consumi.
La produzione totale è di 264 milioni di metri cubi che vengono ricavati per il 75,31% da pozzi, il 16,44% da fiume e l’8,25% da sorgenti. Il 60% viene consumato da Torino, il restante 40% dagli altri comuni gestiti.
Anche i rappresentanti di Iride hanno confermato che la situazione è di allerta ma di fiducia.


www.smatorino.it