SMAT gestore unico del servizio idrico integrato nella provincia di Torino

2007-06-20

L'AutoritÓ d'ambito 3 Torinese ha deliberato ieri la titolaritÓ della gestione integrata del servizio (acquedotto, fognatura e depurazione) alla SocietÓ Metropolitana Acque Torino che sarÓ unico responsabile dell'intero ciclo delle acque

L’obiettivo della unificazione del servizio idrico per superare la frammentazione gestionale e permettere  quelle economie di scala che consentono la riduzione dei costi  e l’ottimizzazione delle risorse, a vantaggio di tutta la collettività,  è stato raggiunto.

Il bacino di utenza che gestirà la SMAT, comprende 306 comuni ed una popolazione superiore ai 2 milioni di abitanti, si sviluppa su una superficie territoriale di circa 7000 km2 con  una rete acquedottistica di 9000 km ed una rete fognaria di circa 7000 km.

SMAT, in quanto soggetto unico gestore, si farà carico degli investimenti per migliorare e mantenere in efficienza le infrastrutture necessarie all’erogazione del servizio garantendo, nel contempo, una elevata qualità del prodotto e del servizio su tutto il territorio servito che, per le sue caratteristiche morfologiche, si sviluppa in area montana, pedemontana e in pianura. L’impegno della società sarà in particolare rivolto a ricercare fonti di migliore qualità per l’approvvigionamento della risorsa idrica, in particolare per le aree montane che ancora oggi devono affrontare i problemi della carenza idrica.

“L’ATO3 nel 2004- puntualizza il direttore Generale Silvano Ravera- aveva affidato la titolarità della gestione del servizio a SMAT e Acea Pinerolese con l’intento di arrivare poi ad un unico soggetto gestore. Con il nuovo affidamento SMAT subentrerà ad Acea, che conserverà però la propria identità aziendale mantenendo la gestione operativa nei Comuni di propria competenza”.

“Per gli utenti di Acea pinerolese non cambierà nulla - sottolinea Paolo Romano, amministratore delegato della SMAT- poichè continueranno a mantenere il rapporto diretto con Acea che resterà dunque il referente operativo. Ovviamente  anche i Comuni, fino a  questo momento gestiti da ACEA, diventeranno soci di SMAT, una società per azioni a totale controllo pubblico  che si è posta come obiettivo prioritario  l’estensione del miglioramento del servizio a tutta l’utenza servita attraverso la realizzazione di significativi interventi di infrastrutturazione idrica e di risanamento delle opere esistenti  nel  campo della fognatura, della depurazione e di quelle deputate all’approvvigionamento e  distribuzione dell’acqua potabile.”


www.smatorino.it