testata smat

international version

la mappa dei toretti di torino

vai a punto acqua smat

Impianto Castiglione T.se
in evidenza

AVVISO AGLI UTENTI INDUSTRIALI Richiesta di Autorizzazione Unica Ambientale per gli scarichi in fognatura di acque reflue industriali

NUOVA AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE (A.U.A) DELL'IMPIANTO DI CASTIGLIONE T.SE

AVVISO ALL'UTENZA

BONUS per la bolletta dell'acqua


Accredia

BS OHSAS 18001:2007 cert. numero 9192.MACT

UNI EN ISO 14001:2015 cert. numero 9191.SMTO.

ISO 22000

News

SMAT a Parigi per la presentazione della missione dell'ATV “Jules Verne”

Martedì 29 gennaio l’Agenzia Spaziale Europea ha indetto una conferenza stampa a Parigi nel corso della quale responsabili e tecnici si ritroveranno per presentare il programma ai giornalisti. La SMAT offrirà gli assaggi dell’acqua di volo.

L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) presenterà alla stampa la missione dell’ATV “Jules Verne”: il veicolo spaziale costruito da Thales Alenia Space di Torino per il rifornimento della Stazione Spaziale Internazionale. (ISS).
Nel corso della conferenza stampa saranno presentate anche le acque prodotte dalla SMAT che verranno utilizzate dagli Astronauti.
La ISS, progetto che vede la collaborazione delle agenzie Aerospaziali di Stati Uniti, Russia ed Europa, è composta infatti da moduli sviluppati in diverse nazioni ed il personale è anch’esso proveniente da diverse nazioni: così anche l’acqua che verrà utilizzata dovrà soddisfare le diverse esigenze tecnologiche e sanitarie richieste dai protocolli americani e russi per la stazione orbitante.
In base alle differenti esperienze aerospaziali delle due nazioni è necessaria, infatti, la fornitura di acqua a bassa mineralizzazione per l’equipaggio americano, mentre il personale russo è abituato ad utilizzare acqua con un più elevato grado di mineralizzazione. A partire dalle caratteristiche di base delle due acque, sono richiesti inoltre trattamenti differenti per lo stoccaggio. Per gli Americani la disinfezione deve essere infatti realizzata mediante l’utilizzo dello iodio, mentre i Russi richiedono il trattamento con sali d’argento e fluoruro.
“Siamo all’ultimo appuntamento prima del lancio – evidenzia con soddisfazione l’amministratore delegato di SMAT, Paolo Romano. Tra breve l’acqua che i torinesi bevono dal proprio rubinetto prenderà il volo per dissetare gli Astronauti ad un costo di oltre 25.000 Euro al litro. I torinesi potranno essere soddisfatti di utilizzare la stessa acqua pagandola meno di un centesimo di Euro”.
“E’ un primato, quello dell’acqua di Torino nello spazio, che dimostra anche l’eccellenza raggiunta da SMAT nella produzione di acque potabili”, aggiunge il presidente Giorgio Gilli.
L’appuntamento di Parigi sarà un occasione per degustare la speciale “Acqua di volo” che sarà distribuita da due boccioni, uno per ogni tipo di acqua, e offerta da SMAT ai partecipanti in bottiglie formato mignon da collezione.