testata smat

international version

la mappa dei toretti di torino

vai a punto acqua smat

Impianto Castiglione T.se
in evidenza

AVVISO AGLI UTENTI INDUSTRIALI Richiesta di Autorizzazione Unica Ambientale per gli scarichi in fognatura di acque reflue industriali

NUOVA AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE (A.U.A) DELL'IMPIANTO DI CASTIGLIONE T.SE

AVVISO ALL'UTENZA

BONUS per la bolletta dell'acqua


Cersa

News

SMAT ha presentato il nuovo Rapporto Socio-Ambientale

Nel 2005 SMAT ha realizzato il suo terzo Rapporto Socio-ambientale con l'obiettivo di rafforzare il dialogo con gli stakeholders e di rendere sempre piu solido il legame tra crescita della Societa, sviluppo sociale, qualita dell'ambiente. La presentazione ufficiale presso l'impianto di potabilizzazione in corso Unita d'Italia 235/3 a Torino lunedi 9 ottobre 2006.

SMAT presenta il Rapporto Socio-AmbientaleI risultati aziendali del 2005 sono presentati e classificati nelle tre dimensioni della sostenibilita: economico-finanziaria, sociale, ambientale.
Dal punto di vista dei contenuti e della loro organizzazione, il Rapporto punta alla completezza dei dati e alla trasparenza dell'informazione, valorizzando in particolare le trasformazioni e le iniziative varate nel corso del 2005.
Rispetto alle edizioni precedenti il Rapporto 2005 risulta arricchito da due nuove sezioni: "Dialogo con gli Stakeholders" e "Programma di Miglioramento" che dimostrano la volonta di confronto continuo di Smat e la trasparenza del suo operato.
La sezione "Dialogo con gli stakeholders" contiene una nutrita serie di interviste con rappresentanti autorevoli delle diverse categorie di stakeholders tese a raccogliere percezioni, suggerimenti, critiche rispetto alle attivita di Smat .
La sezione "Programma di Miglioramento" illustra, attraverso una serie di indicatori significativi, l'evoluzione delle attivita e i risultati raggiunti in campo sociale e ambientale. La valutazione di tali indicatori, insieme ai suggerimenti ricavati dalla consultazione degli stakeholders, costituiscono la base per la definizione di azioni di miglioramento.
L'edizione 2005 del Rapporto risulta inoltre arricchita da un numero consistente di box di approfondimento relativi a eventi e iniziative verificatisi nel corso dell'anno.
''Abbiamo rispettato il mandato degli azionisti - ha sottolineato Giorgio Gilli, presidente della Smat - migliorando la qualità del servizio e del prodotto e riuscendo ad avere sempre bilanci in attivo, senza problemi occupazionali, coniugando capacita imprenditoriale e rispetto per l'ambiente".
L' amministratore delegato, Paolo Romano, ha presentato i dati salienti rilevati dal rapporto ponendo l'accento su quanto è stato fatto per tutelare il consumatore e garantire la sicurezza pubblica evidenziando, in particolare, l' incremento delle attivita di ricerca e di controllo delle acque. A questo proposito ha illustrato un'indagine effettuata dai laboratori SMAT sui reflui in ingresso e in uscita dall'impianto di depurazione di Castiglione Torinese, dalla quale sono emersi i residui giornalieri di oltre 12mila dosi di cocaina.
"L'assunzione di sostanze stupefacenti lascia tracce nelle urine e l'analisi realizzata - ha spiegato Paolo Romano - ha permesso ai tecnici di risalire al numero di dosi consumate quotidianamente".
Alla presentazione hanno partecipato l'assessore all'Ambiente della Citta' di Torino Domenico Mangone, Franco Pavone, dirigente della Provincia di Torino in rappresentanza dell'assessore Dorino Piras e l'assessore regionale alle Risorse idriche, Nicola de Ruggiero. Quest'ultimo, ricordando la recente acquisizione della gestione del servizio idrico integrato della Provincia di Palermo da parte di Acque Potabili Spa, controllata da SMAT e AMGA, ha sottolineato che ''si tratta di un segnale importante della solidita e della capacita' del Sistema Piemonte e del Sistema Torino di essere protagonista al di fuori dei propri confini, ma fa anche aumentare la responsabilita' nei confronti delle proprie comunita'''.