testata smat

international version

la mappa dei toretti di torino

vai a punto acqua smat

Impianto Castiglione T.se
in evidenza

AVVISO AGLI UTENTI INDUSTRIALI Richiesta di Autorizzazione Unica Ambientale per gli scarichi in fognatura di acque reflue industriali

NUOVA AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE (A.U.A) DELL'IMPIANTO DI CASTIGLIONE T.SE

AVVISO ALL'UTENZA

BONUS per la bolletta dell'acqua


Cersa

News

SMAT ha consegnato gli attestati ai tecnici boliviani

L'amministratore delegato SMAT, Paolo Romano, ha consegnato ad Alfonso Espinal Coaquira, Membro del Comitato Tecnico del Ministero dell'Acqua boliviano, un geofono per rilevare le perdite di rete dell'acquedotto e gli attestati ai tecnici boliviani che hanno seguito uno stage formativo a Torino affiancando i tecnici dell'azienda

Nell’ambito del Progetto ”Acqua potabile per la comunità di Valle Araca” SMAT ha organizzato uno stage a completamento del training formativo e consegnato gli attestati conseguiti al termine dello periodo di formazione.
Fra i tecnici boliviani ospiti dell’azienda l’ingegner Alfonso Espinal Coaquira, membro del Comitato tecnico del Ministero boliviano per l’acqua, dicastero recentemente istituito a seguito delle esperienze legate alla collocazione sul mercato di alcune gestioni idriche.
L’amministratore delegato della SMAT, Paolo Romano, salutando i quattro tecnici ha presentato l’azienda e sottolineato come la geografia fisica della Bolivia presenti delle similarità con quella del Piemonte: fonti di approvvigionamento situate in montagna e piccoli comuni in alta montagna poco abitati, per i quali se non si applicasse il principio della sussidiarietà, il costo del servizio idrico per persona sarebbe molto elevato.
Passando la parola ad Alfonso Espinal Coaquira, al quale ha chiesto un parere sull’organizzazione SMAT, che hanno potuto sperimentare sul campo, e sul costo dell’acqua in Bolivia, ha aggiunto :”La nostra società è completamente pubblica ma anche qui in Italia, benché le gestioni siano in gran parte pubbliche, si sta cercando di limitare le presenze private e straniere, un po’ come è stato per la vostra guerra dell’acqua”.
Alfonso Espinal Coaquira si è detto molto impressionato delle competenze tecnologiche ed amministrative sottolineando che ”Sono state molto utili per migliorare le nostre competenze, si tratterà ora di trasmetterle e riadattarle alla nostra realtà”. Ha poi proseguito:”Il problema dell’acqua in Bolivia è elemento di conflitto e negoziazione. Sono necessarie norme non solo per l’autogestione ma anche per difendere la partecipazione, poiché tutti possano beneficiarne”. “Il fondo governativo è utilizzato per gli investimenti. Le diverse comunità hanno differenti fonti e le tariffe sono differenziate. E’ attualmente in discussione la definizione della struttura tariffaria che permetterà l’organizzazione amministrativa del servizio”.

In riunione con i tecnici Boliviani

La consegna degli attestati