IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO DI SMAT A SOSTEGNO DELLA “CITTA’ INTELLIGENTE”


Tra gli appuntamenti del Festival dell’Innovazione e della Scienza, giovedì 15 ottobre alle 18, presso la Biblioteca Archimede di Settimo, si è tenuta la tavola rotonda le Città Intelligenti, moderata dal caporedattore Economia de La Stampa, Giuseppe Bottero.

L’appuntamento è stato introdotto dal Sindaco di Settimo, Elena Piastra che ha sottolineato l’apertura storica della Città ad accogliere imprese che investono in innovazione e tecnologia.

In rappresentanza delle più grandi aziende del territorio, hanno preso parte Michela Costa, Performance Director di L’ORÉAL, Matthieu Bonvoisin, District Heating & Power Director di ENGIE Italia e Armando Quazzo, Dirigente Sviluppo & Marketing SMAT.

Tutti hanno raccontato i singoli contributi aziendali nello sviluppo di una città, progettata e realizzata coniugando sostenibilità ambientale, innovazione tecnologica e qualità della vita.

Al centro del dibattito la riflessione sull’emergenza sanitaria che ha assunto un ruolo determinante nel ripensare in chiave smart luoghi e attività lavorative.

“SMAT, che è da sempre impegnata a redigere piani e protocolli di sicurezza finalizzati ad affrontare eventuali crisi che compromettano qualità dell’acqua erogata ha partecipato ad uno studio dell’Istituto Superiore di Sanità sulla presenza del virus nelle acque reflue. Gestendo in quest’area il più grande impianto di risanamento ambientale in Italia ed il 5° a livello europeo - ha detto Armando Quazzo - SMAT è stata in grado di fornire informazioni utili circa il periodo in cui il virus ha iniziato a circolare nell’area metropolitana torinese. Attraverso l’analisi di campioni d’acqua precedentemente congelati, si è infatti scoperto che una sequenza genomica del virus Sars-Cov-2 era presente già il 19 dicembre 2019. Questo studio, ha fatto in modo che si ricavassero informazioni simili in altre parti d’Italia”.

L’emergenza sanitaria è stata inoltre motore di accelerazione nella digitalizzazione delle imprese e nella modifica delle modalità lavorative.

“È quello che è successo in SMAT nella gestione degli sportelli” - ha proseguito il Dirigente del Servizio Sviluppo & Marketing - “Con la chiusura degli uffici, a causa del lockdown, abbiamo dovuto incrementare i servizi per l’utenza da remoto. Questo ha portato a 35.000 accessi al sito internet aziendale che significa vantaggi nel rapporto con gli utenti e continuità operativa del personale.”

“Un’azienda smart - ha concluso Quazzo - è quella realtà non solo in grado di accelerare i processi di digitalizzazione delle reti ma anche quella in grado di captare le istanze della cittadinanza e tradurle in servizi”.

È stato possibile seguire l’incontro anche in diretta streaming al sito www.7web.tv.

Potrebbe interessarti anche:


SMAT ADERISCE ALLA SETTIMANA EUROPEA PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI

Si svolge dal 21 al 29 novembre la SERR, l’importante manifestazione europea che ogni anno promuove azioni di sensibilizzazione...

AL VIA LA NOTTE EUROPEA DELLE RICERCATRICI E DEI RICERCATORI

Sarà presentato oggi alle ore 13, in diretta streaming sulla piattaforma UniTomedia, il programma della Notte Europea delle Ricercatrici...

ACQUA ARANCIONE DALLE FONTANE DI PIAZZA CLN PER DIRE NO ALLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

Il 25 novembre ricorre la Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Istituita nel 1999 dall’Assemblea Generale delle Nazioni...