REALIZZATA LA GRANDE OPERA IDRICA A SERVIZIO DELLA VALLE DI SUSA


Ci sono voluti quasi 10 anni di lavori per realizzare l’infrastruttura idrica più significativa degli ultimi tempi in Piemonte: l’Acquedotto della Valle di Susa.

L’opera è stata pensata per risolvere la storica carenza qualitativa delle acque in molti Comuni della Valle di Susa, zona nella quale, a causa di una particolare caratteristica del sistema idrogeologico sono presenti componenti (solfati, ferro, manganese, arsenico) che rendono l’acqua della Vallata difficile da potabilizzare e di bassa qualità. Nel corso degli anni, ai problemi idrici legati alla conformazione del territorio si è aggiunta la vulnerabilità delle risorse idriche ai cambiamenti climatici, forma di criticità che si impatta nella gestione della richiesta di acqua potabile ma, soprattutto, sui sistemi infrastrutturali nel loro complesso.

Presentando la nuova opera il Presidente SMAT, Paolo Romano, ha dichiarato: “si è realizzato un sogno, quello di utilizzare a fini idropotabili la diga di Rochemolles, nata a scopo idroelettrico. Un progetto - ha spiegato Romano -  partito 12 anni fa con il coinvolgimento delle istituzioni, dalla Regione, all’Autorità d’Ambito, fino ad arrivare ai Ministeri. Sono serviti tre anni per gli accordi di programma e 10 per i lavori ma – ha sottolineato ancora il Presidente - per un’opera come questa, 10 anni è un tempo corretto”.

“Il nuovo acquedotto per la Valle di Susa è stato progettato per soddisfare il fabbisogno idrico del territorio fornendo un importante quantitativo di acqua di elevata qualità naturale, prelevata a quota 1992 metri dall’invaso della diga di Rochemolles. Si tratta di un impianto tecnologicamente molto avanzato che, attraverso un sofisticato sistema di telecontrollo e telecomando, presenta un elevato livello di automazione”, ha commentato Marco Ranieri, Amministratore delegato di SMAT.

All’evento, in rappresentanza della Regione Piemonte, ha partecipato il vice presidente della Giunta regionale Fabio Carosso che ha sottolineato la volontà dell’ente di essere sempre più vicino alle aree montane.
Il valore sociale dell’opera è stato sottolineato anche dal Presidente dell’ATO3 Torinese, Antonio Massa: “Quest’opera è stata progettata pensando al futuro, per essere in grado di soddisfare le esigenze dei cittadini per i prossimi 30, 40 anni”.

“Un’esperienza che ha dimostrato come, quando ci sono condivisione e sinergia, si ottengano risultati importanti e si raggiungano obiettivi ambiziosi. Spero che questa esperienza possa essere mutuata anche in altre aree del Piemonte”: l’auspicio di Alberto Avetta presidente di ANCI Piemonte.
“L’obiettivo degli amministratori - ha concluso Avetta - è quello di migliorare costantemente la qualità della vita nelle nostre comunità”.

Particolarmente soddisfatta la comunità di Bardonecchia e, in particolare, il primo cittadino Francesco Avato, che ha dichiarato: “L’acqua delle nostre montagne diventa oggi un bene comune, gestito in maniera intelligente attraverso questa infrastruttura”.

Giordano Colarullo, Direttore generale Utilitalia – ha sottolineato come sia fondamentale per le aziende di servizi il livello di efficienza, insieme con la quantità e alla continuità di investimenti che sono in grado di garantire. In Italia serve una Strategia Idrica Nazionale che assuma un orizzonte di investimenti almeno decennale, anche per far fronte a fenomeni climatici sempre più estremi Finalmente, dopo decenni di investimenti insufficienti, negli ultimi anni il nostro Paese, anche grazie all’ingresso del sistema idrico nell’Autorità per l’Energia, si è messo in moto e ha iniziato a colmare il gap infrastrutturale accumulato nel tempo, la realizzazione dell’Acquedotto di Valle è un esempio”.

Potrebbe interessarti anche:


SMAT AL FESTIVAL DEL CLIMA NELL’AMBITO DI BORGATE DAL VIVO

“Cambia il clima, cambia la montagna”: l’appuntamento in Valle di Susa di sabato 3 agosto con il climatologo Luca...

CONCERTI E VISITE GUIDATE AL NUOVO IMPIANTO SMAT DI BARDONECCHIA

Le note della Fanfara degli Alpini e delle Bande musicali della Valle di Susa, che al mattino hanno regalato...

A BARDONECCHIA IL TAGLIO DEL NASTRO DEL GRANDE ACQUEDOTTO PER LA VALLE DI SUSA

Oltre 600 gli intervenuti all’attesissimo evento organizzato per l’inaugurazione del grande acquedotto per la Valle di Susa. Il taglio...