INAUGURATO IL PERCOLATODOTTO DELLA DISCARICA DI CHIVASSO


Una condotta dedicata lungo una dorsale cittadina convoglia il percolato delle 4 vasche della discarica di Chivasso fino al depuratore SMAT in località Arianasso.
L’impianto SMAT, a servizio dei Comuni di Chivasso, Torrazza Piemonte ed alcune Frazioni del Comune di Verolengo, per consentire l’allacciamento delle vasche di raccolta in Regione Pozzo attraverso la condotta dedicata, è stato sottoposto ad un potenziamento e ad una sostanziale ristrutturazione.

Tra i vari interventi, i più importanti sono stati: l’installazione di un sistema di grigliatura automatica sulle portate superiori alle 5 Qm (carico idraulico della portata media asciutta) in ingresso recapitate in by pass, la rimozione del sistema di ossidazione a massa adesa (biorulli) ormai obsoleto, la costruzione di una vasca di sollevamento in camera asciutta per portate 2 Qm, la costruzione di una doppia linea di nitro denitro con diffusione a microbolle e aerazione con tecnologia a inverter, il ripristino del sistema sedimentazione finale con rimozione della vasca disinfezione, la sostituzione del sistema di disinfezione mediante ipoclorito di sodio con filtrazione continua su dischi a tela inox e U.V., la demolizione e la rimozione di tutte le vasche e apparecchiature precedentemente dedicate alla digestione anaerobica ed il relativo trattamento fanghi, il ripristino completo di tutta la parte elettrica e di supervisione del sistema.

Un importante intervento che rappresenta una fonte di risparmio per il Comune, che fino ad oggi ha provveduto al conferimento del percolato al depuratore Smat di Castiglione T.se a mezzo di autobotti e che, in una logica di “economia circolare” – ha commentato Paolo Romano, Presidente SMAT - contribuirà a mitigare l'impatto ambientale del trattamento del percolato”.

Il sistema, totalmente informatizzato, garantisce il trasferimento del percolato in piena sicurezza e l’ultrafiltrazione finale evita la presenza di ipoclorito nelle acque scaricate nel fiume e dunque annulla l’impatto sul sistema esterno e sull’ambiente.
L’opera è stata portata a termine in un anno e la sua realizzazione, comprese le stazioni di rilancio, ha richiesto un investimento complessivo di circa 5 milioni di euro.

Potrebbe interessarti anche:


CORONAVIRUS: NUOVO ACCORDO SMAT-ARPA PIEMONTE SU MONITORAGGIO ACQUE REFLUE

In un contesto contingentato a causa della pandemia in corso, SMAT e ARPA Piemonte hanno siglato un protocollo d’intesa...

AL PLANETARIO DI TORINO IN MOSTRA L’ACQUA DELLE MISSIONI SPAZIALI

Dopo la lunga pausa determinata dalle misure di contenimento della pandemia, Infini.to – Planetario di Torino ha riaperto al...

SMAT PARTNER DEL PROGETTO EUROPEO CALLISTO H2020

SMAT è uno dei 16 partners che il Centro Satellitare dell’Unione Europea ha selezionato nel mondo dell’Industria, dell’Università e...