LE SOLUZIONI DI SVILUPPO SOSTENIBILE OFFERTE DA SMAT ALLE GREEN COMMUNITIES


Venerdì 29 ottobre alle Lavanderie a Vapore di Collegno si è tenuto il convegno “Green Meeting”, relativo alle opportunità di sviluppo sostenibile per le Green Communities di Torino Ovest nei settori della bioenergia, dei bioprodotti e del bioidrogeno a CO2 negativa.

Nel corso dell’incontro, moderato dal professor Alessandro PERISSINOTTO dell’Università di Torino, sono stati illustrati i risultati dello studio di ricerca “BioenPro4To” promosso da Sea Marconi.

Obiettivo del progetto è quello di trasformare in bioenergia e nuovi prodotti bio i materiali di scarto generati dalle piccole e medie comunità, quali i rifiuti urbani ed industriali, i fanghi di depurazione, i reflui e le biomasse.

Tra i partner del progetto anche SMAT, rappresentata al convegno dal Dirigente Sviluppo e Marketing, Armando QUAZZO, che dopo aver presentato l’azienda ha esposto alla platea le soluzioni di economia-ecologia circolare impiegate da SMAT. Attraverso un approccio tipico dell’economia circolare, l’azienda è infatti stata una delle prime nel settore del servizio idrico a cogliere le opportunità del recupero e riuso delle risorse offerte dagli impianti di depurazione e ad utilizzare procedimenti ecosostenibili che prevedono la trasformazione dei rifiuti in risorse energetiche rinnovabili.

Principalmente due le tecnologie illustrate da Armando QUAZZO: il sistema DEMOSOFC e la realizzazione di un impianto di upgrading del biogas e iniezione in rete di biometano. DEMOSOFC, installato presso il depuratore SMAT di Collegno, è il primo impianto di taglia industriale in Europa che sfruttando la tecnologia delle celle a combustibile ad ossidi solidi (SOFC) alimentate dal biogas generato dai fanghi del processo di depurazione delle acque, è in grado di ottenere energia elettrica e termica ad alta efficienza e con emissioni inquinanti pari a zero.

Il processo utilizzato nell'impianto di upgrading all'interno del sito di depurazione di Castiglione Torinese è invece in grado di rimuovere dal biogas l’anidride carbonica e gli altri composti indesiderati e produrre una miscela gassosa che viene immessa nella rete di distribuzione del gas SNAM.

data aggiornamento 10 Novembre 2021

Potrebbe interessarti anche:


LA TUTELA DEI CAMPI POZZI – METODOLOGIE INTEGRATE PER LA GESTIONE E LA SALVAGUARDIA DELLA RISORSA IDRICA

I RISULTATI DELLA RICERCA Giovedì 2 dicembre alle ore 10,00 presso il Padiglione dell’Acqua della sede SMAT di corso...

È A BRUINO IL 205° PUNTO ACQUA SMAT

Da martedì 16 novembre anche i cittadini di Bruino potranno prelevare presso il nuovo Punto Acqua SMAT l’acqua refrigerata...

PREMIO PIEMONTE INNOVAZIONE: SMAT TRA I SOSTENITORI

Giunge alla quinta edizione con numeri da record l’iniziativa promossa da Anci Piemonte in collaborazione con ANFoV. Il riconoscimento,...