PROGETTO DEMOSOFC: DALLA RICERCA EUROPEA ALL’APPLICAZIONE INDUSTRIALE


Tra gli oltre 100 appuntamenti di FORUM PA, evento nazionale dedicato al tema della modernizzazione della Pubblica Amministrazione, martedì 7 luglio alle 9.30 è andato in onda in diretta streaming il talk Economia circolare: produrre energia ad emissioni zero dai rifiuti. Il progetto DEMOSOFC: dal sistema della ricerca europea alla scala industriale di una multi-utility.

Nell’ambito dell’incontro, moderato da Massimiliano ROMA, Responsabile Enti Pubblici di FPA, il sistema DEMOSOFC, nato dal progetto coordinato dal Politecnico di Torino e conseguito con risorse europee, è stato presentato come modello virtuoso di sviluppo sostenibile.

Installato presso l’impianto di depurazione SMAT di Collegno, DEMOSOFC è il primo impianto di taglia industriale in Europa, che recupera il biogas prodotto dalla depurazione delle acque trasformandolo in energia pulita attraverso le celle a combustibile ad ossidi solidi.

Un sistema che, in linea con i principi dell’economia circolare trasforma in risorsa il processo di trattamento delle acque reflue, utilizzando materiali preesistenti ed evitando l’estrazione di nuove risorse.

Il filo conduttore dell’incontro è stato il passaggio dal progetto di ricerca alla sua applicazione su scala industriale.

Gli ospiti, interrogati da Massimiliano ROMA hanno discusso le azioni e le politiche da adottare e i soggetti da coinvolgere per far sì che un progetto come il DEMOSOFC diventi modello vincente di circolarità, in grado di ottenere attenzione internazionale e richiamare ogni anno visitatori da tutto il mondo presso il complesso industriale di Collegno.

L’apertura dell’Europa verso politiche e strategie ambientali e l’erogazione di finanziamenti per lo sviluppo dell’economia circolare sono tappe fondamentali allo sviluppo di nuovi progetti a impatto ambientale e sociale ma, affinché questi possano poi essere realizzati su scala industriale, abbattendo costi e difficoltà è necessario creare un network di università, enti territoriali ed industriali. Questo quanto emerso dagli interventi di tutti i partecipanti.

La sinergia tra diversi soggetti, in cui l’ente universitario ha svolto il ruolo di catalizzatore, è stata fondamentale per la riuscita del progetto DEMOSOFC, così come la partnership con SMAT, “realtà estremamente attenta all’innovazione e agli investimenti nella ricerca”, come affermato dal Coordinatore del progetto Massimo SANTARELLI.

“In SMAT - ha sostenuto Armando QUAZZO, Dirigente Sviluppo e Marketing - la finalità stessa della ricerca è mirata all’applicazione industriale. Dopo le fasi di studio e di sperimentazione, la ricerca applicata deve trasferire le conoscenze acquisite al mondo dell’industria contribuendo all’innovazione tecnologica e allo sviluppo industriale nel settore idrico. Il progetto DEMOSOFC ne è un esempio: la tecnologia innovativa del progetto, applicata all’impianto di trattamento delle acque reflue SMAT, rappresenta una risposta concreta alle problematiche dei grandi impianti di depurazione, come per esempio l’elevato consumo energetico, perché a livello tecnologico rappresenta la migliore soluzione disponibile per lo sfruttamento del biogas prodotto. Risulta ancora da superare lo scoglio economico in quanto, visto l’esiguo numero dei produttori di celle a combustibile ad ossidi solidi, i costi impiantistici non sono ancora concorrenziali con le tecnologie tradizionali”.

 
Al talk sono inoltre intervenuti: Patrizia LOMBARDI, Pro Rettrice del Politecnico di Torino, Ilde GAUDIELLO, Direttore della Divisione III “Pianificazione, tracciabilità e vigilanza sulla gestione dei rifiuti” della Direzione generale per i rifiuti e l’inquinamento del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Lucilla PERSICHETTI, Referente per i Gruppi di lavoro sul Goal 2 e Goal 12 dell'ASviS.

Antonio Aguilo RULLAN, Project Officer del Fuel Cell and Hydrogen Joint Undertaking (FCH-JU) ha preso parte all’incontro attraverso un contributo video.

Potrebbe interessarti anche:


RINNOVATO IL VERTICE SMAT: PAOLO ROMANO E MARCO RANIERI CONFERMATI RISPETTIVAMENTE COME PRESIDENTE E AMMINISTRATORE DELEGATO

L’assemblea dei Soci, che si è svolta il 15 luglio scorso presso il Centro di Risanamento delle Acque di...

VISITA GUIDATA AL DEPURATORE SMAT DI RUEGLIO NEL PROGRAMMA DI CINEMAMBIENTE IN VALCHIUSELLA

Mancano pochi giorni alla terza edizione dell’evento cinematografico green Cinemambiente in Valchiusella. Dal 30 luglio al 9 agosto, la...

NEL TERRITORIO DELLA CIRCOSCRIZIONE 3 ATTIVATO IL 13° PUNTO ACQUA DELLA CITTA’ DI TORINO

Collocato nel quartiere torinese di Cenisia, in prossimità dell’incrocio con corso Vittorio Emanuele II, è il secondo nel territorio...