SCENARI DI UN FUTURO POST-WATER AL MUSEO DELLA MONTAGNA


Quale sarà il destino del pianeta, se non tuteliamo e proteggiamo la risorsa idrica attraverso una gestione sostenibile di essa? È la domanda su cui è invitato a riflettere il visitatore della mostra temporanea Post-Water, curata da Andrea Lerda e ospitata dal Museo Nazionale della Montagna “Duca degli Abruzzi” di Torino fino al prossimo 17 marzo.

L’acqua, oggi al centro di ricerche e dibattiti scientifici, diventa oggetto di riflessione dell’esposizione che, attraverso video, fotografia, pittura, disegno e scultura intende sensibilizzare il pubblico su un’urgenza importante del nostro secolo: la sempre più evidente scarsità d’acqua ed il suo progressivo stato di inquinamento.

Un percorso narrativo che include i lavori di circa venti artisti internazionali, assieme a un nucleo di fotografie e di documenti storici che appartengono all’Area Documentazione del Museo della Montagna.


Alla riflessione culturale sulla necessità di preservare la risorsa che genera e garantisce la vita, non poteva mancare SMAT che, impegnata sul doppio versante di una gestione sostenibile del Servizio Idrico e dell’educazione ambientale, sostiene la mostra in qualità di sponsor.

Potrebbe interessarti anche:


AL FESTIVAL DEL GIORNALISMO ALIMENTARE 2 APPUNTAMENTI FIRMATI SMAT

Si svolgerà dal 21 al 23 febbraio al Centro Congressi di Torino Incontra la quarta edizione dell’evento dedicato alla...

IL PROGETTO DEMOSOFC DIVENTA UN LABORATORIO PER RAGAZZI

Tre week end al MAcA per illustrare ai ragazzi la tecnologia delle Celle a Combustibile a Ossidi Solidi. DEMOSOFC,...

INAUGURATO IL PUNTO ACQUA SMAT DI MEANA DI SUSA

Quella che si è svolta mercoledì 30 gennaio in piazza Europa si può definire una vera e propria festa...