SMAT PARTNER DEL PROGETTO EUROPEO CALLISTO H2020


SMAT è uno dei 16 partners che il Centro Satellitare dell’Unione Europea ha selezionato nel mondo dell’Industria, dell’Università e delle Piccole e Medie Imprese e coinvolto nel progetto CALLISTO - “Copernicus Artificial Intelligence (AI) Services and data fusion with other distributed data sources and processing at the edge to support DIAS and HPC infrastructures”, finanziato nell’ambito del programma Horizon 2020 - Ricerca e Innovazione.

Nato per far fronte alla difficoltà di gestire la moltitudine ed eterogeneità dei dati satellitari ottenuti dal programma europeo di osservazione terrestre Copernicus, il progetto CALLISTO intende avvalersi dell’Intelligenza Artificiale e sviluppare una piattaforma dati che favorisca il monitoraggio delle attività umane ed ambientali, in un’ottica di sviluppo sostenibile.

Grazie alla collaborazione di tutti i partner, il progetto pilota sarà testato in diversi settori operativi. SMAT sarà il primo gestore del Servizio Idrico a ricorrere ai dati satellitari per l’osservazione dei bacini d’acqua.

L’applicazione del progetto CALLISTO nel campo del monitoraggio idrico permetterà di individuare tempestivamente eventuali fenomeni di inquinamento e di intervenire altrettanto rapidamente ad effettuare i necessari processi di trattamento.

I gestori del servizio potranno così garantire la qualità dell’acqua distribuita anche in momenti di crisi. Non a caso le riserve idriche monitorate da SMAT nell'ambito dello studio europeo saranno i due bacini di lagunaggio situati a La Loggia, risposta concreta alle strategie di prevenzione strutturale, operate dall'azienda per fronteggiare gli eventi emergenziali come siccità o alluvioni alla luce soprattutto dei cambiamenti climatici.

Il sistema di lagunaggio consente infatti di creare un’importante riserva idrica prelevando l’acqua del fiume destinata alla potabilizzazione, a circa 7 km a monte dell’opera di presa, così da evitare il passaggio in zone eccessivamente antropizzate e di farla stazionare dai 7 ai 50 giorni in due bacini naturali con capacità complessiva di 7 milioni di metri cubi d’acqua, prima di immetterla negli impianti di potabilizzazione.

Potrebbe interessarti anche:


CORONAVIRUS: NUOVO ACCORDO SMAT-ARPA PIEMONTE SU MONITORAGGIO ACQUE REFLUE

In un contesto contingentato a causa della pandemia in corso, SMAT e ARPA Piemonte hanno siglato un protocollo d’intesa...

AL PLANETARIO DI TORINO IN MOSTRA L’ACQUA DELLE MISSIONI SPAZIALI

Dopo la lunga pausa determinata dalle misure di contenimento della pandemia, Infini.to – Planetario di Torino ha riaperto al...

LA BOLLETTA DELL’ACQUA SI PAGA CON “PagoPA”

A partire dal mese di febbraio, gli Utenti SMAT, in sostituzione del tradizionale bollettino postale, troveranno l’Avviso PagoPA allegato...