PROSEGUE CON SUCCESSO IL PROGETTO DI COOPERAZIONE INTERNAZIONALE SO-WOP


Una missione per favorire lo scambio di competenze tecniche nel settore della depurazione delle acque quella che, nell’ambito del progetto di cooperazione internazionale SO-WOP “Supporting OWSSB (India) in upgrading CApacities in WAstewater and fecal Sludge MAnagement", lo scorso maggio, ha portato un team di specialisti della gestione idrica nella Municipalità di Jatni, 40mila abitanti nel nord est del Paese. Qui, l’impianto pilota del progetto SO-WOP, lo stabilimento di trattamento fanghi e acque reflue della Città, ha accolto la delegazione, formata da quattro tecnici SMAT, un accademico del Politecnico di Torino ed un esperto di cooperazione e governance dell’acqua di Hydroaid, Scuola Internazionale dell’acqua per lo Sviluppo.

Obiettivo dell’iniziativa migliorare gli standard di igiene, per il riutilizzo o la reimmissione dell’acqua depurata nei corsi d’acqua o in falda, “Garantendo a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igienico-sanitarie” in linea con l’Obiettivo 6 dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

Nel corso di una settimana, l’incontro tra l’equipe italiana e i tecnici dello stabilimento, ha permesso di svolgere alcune attività di laboratorio chimico quali la preparazione dei campioni e le analisi per rimuovere patogeni e componenti azotati e di utilizzare il software GIS per l’elaborazione di modelli matematici di drenaggio delle acque, fondamentali in quel territorio dove il monsone provoca ogni anno inondazioni e danni, diffondendo l’inquinamento delle acque grigie con quelle di pioggia.

Le competenze, i modelli tecnici e le conoscenze acquisite durante momenti di formazione e disseminazione saranno recuperate e replicate negli altri 120 impianti simili e trasmesse ad altri tecnici addetti nello stato dell’Orissa, 47 milioni di abitanti, dove le autorità sono impegnate nelle iniziative di sanificazione delle acque, in un territorio carente di impianti fognari ed infrastrutture igieniche moderne.

data aggiornamento 9 Luglio 2024

Potrebbe interessarti anche:


Le maggiori Utilities dell’acqua firmano un Accordo per sviluppare attività di ricerca avanzata

Nell’ambito dell’incontro “Patrimonio idrico, risorse rinnovabili e ambiente: il presente e il futuro nella depurazione delle acque“, lunedì 15 luglio...

COME AFFRONTARE LE SFIDE DEL SERVIZIO IDRICO: UNA TAVOLA ROTONDA TRA AUTORITÀ e UTILITY

Nell’ambito del Convegno “Patrimonio Idrico, Risorse Rinnovabili e Ambiente” organizzato da SMAT lunedì 15 luglio presso il Centro di...

SMAT: 40 ANNI DI INNOVAZIONE NEL RISANAMENTO DELLE ACQUE

“Patrimonio idrico, risorse rinnovabili e ambiente”: l’evento organizzato presso il Centro Risanamento Acque SMAT a Castiglione Torinese per ripercorrere...